Featured Posts

Tra ladri, operazioni e periodi di prova…

Posted by Val | Posted in me | Posted on 21-06-2010

2

ladriMi reputo fortunata a vedere il bicchiere sempre mezzo pieno. Non fosse così avrei da tempo sbroccato nel vero senso della parola. Non si dorme mai, mai mai. Le cose da fare sono tantissime, il tempo poco, e la famiglia stressa.  In questo momento la mia situazione lavorativa è in evoluzione. Ma sono praticamente in un periodo di prova totale. E quindi pochissima retribuzione in un periodo nel quale ne avrei bisogno veramente tanto, dato che quel che avevo da parte è stato messo interamente a casa.

La caduta con connesso svalvolamento mentale di nonno è stata la classica goccia in un mare…non perchè sia ininfluente, tutto il contrario: proprio perchè nel mare di merda nel quale si sguazza, giusto questo mancava.

Ed i ladri a casa? Vogliamo parlarne? Il sospetto che sia qualcuno che lavorava/lavora nel circondario con qualche ditta è molto forte: nessuno dei cani che solitamente abbiaia anche se starnutisce una pulce ha fatto un fiato.

Che poi io abbia avuto la mia botta di adrenalina, da incosciente, cacciandoli, è tutto un altro discorso. Ed ora capisco chi si lancia in imprese estreme: l’adrenalina è una sostanza portentosa. Solo che, dopo un a notte in bianco, prova tu a dormire dopo quando non hai tempo a momenti nemmeno per andare in bagno perchè tutto, e dico tutto ti capita e si concentra. I ladri hanno fatto una capatina mi sembra mercoledì notte o giù di lì. Io ho dormito qualcosa che si è avvicinato alle 6 -7 ore questa notte, tra domenica e lunedì: che ve lo dico a fare che dormirei per 12 ore?

  • Share/Save/Bookmark

Io ne ho tanto, altri purtroppo no.

Posted by Val | Posted in constatazioni | Posted on 12-06-2010

0

amor_proprio1tratto da : qui

(C) Franco Riboldi

In molti individui che sviluppano dipendenze patologiche, uno dei nodi più critici da sciogliere è la mancanza di amor proprio.
E’ praticamente impossibile risolvere il problema di una dipendenza senza prima
recuperare il rispetto di sè.

L’amor proprio è uno stato affettivo particolare che spinge a prendersi cura della propria persona e della propria salute, ovvero a “volersi bene”.
L’autoconservazione è un bene innato in tutti gli esseri viventi, ma poi sono le scelte personali che lo coltivano e lo fanno diventare
un valore.
Fermati qualche istante a riflettere su questa
straordinaria ricchezza e vedi che posto occupa nella tua scala valoriale.

Quando si parla di cura, di accudimento, si tende a focalizzare l’attenzione sul corpo, in quanto essendo la parte più esposta all’esterno si ritiene che sia anche quella più vulnerabile.

In realtà la tutela della salute è qualcosa di più complesso.
Essa coinvolge la persona in tutti i suoi aspetti:
corpo, mente e ambiente di vita.

La salute è data dall’equilibrio che raggiungono queste tre componenti.
Coraggio, perchè non ristabilisci questo equilibrio?

  • Share/Save/Bookmark

Se chi ben comincia…

Posted by Val | Posted in me | Posted on 10-06-2010

0

pazzia…è a metà dell’opera, direi che qua dentro siamo tutti estremamente vicini ad una crisi di nervi: zia in ospedale con insufficienza cardiaca, nonno con femore rotto. La vita sembra quasi scandita da sirene del 118 e ospedali. La mia è più che altro scandita dal lavoro e dalle cose in casa. E’ sempre stato così e così probabilmente sarà. Sono estremamente stanca e dannatamente ad un passo dall’esplosione per via della continua ed imperterrita mancanza di sonno.

Mi urta chi ora fa il pianto del coccodrillo. Mi urta davvero.  E quando accadono queste cose, casa si riempie di chi prima fa cazzate e poi se ne pente (?).

Vabbuò. Chissà come finisce.

  • Share/Save/Bookmark

Notte…

Posted by Val | Posted in me | Posted on 07-06-2010

0

homer sonno…in bianco per una decina di motivi diversi, tra i quali troppa stanchezza e logorroicità canina. Stamane alle prese con la modifica della mia prima pubblicità. Lo ripeto: non ditemi che fare marketing è facile.

  • Share/Save/Bookmark

Santa pace..

Posted by Val | Posted in me | Posted on 03-06-2010

0

raffreddore…una vera rottura di palle questa influenza. Tante piccole novità, inside and out.  ma soprattutto tanta stanchezza. A costo di sembrare logorroica, lo devo dire… voglio andare in vacanza.

Mi interrogo spesso se valga la pena di mantenere un blog più o meno attivo. Ho perso il conto: da quanti mesi non entro più quà dentro? Il problema è uno e solo: se già a volte fai tanta fatica a viverle le cose, che non hai nemmeno tempo di dormire… chi te lo fa fare a raccontarle?

E’ questa la vera domanda da porsi.  Che poi, in fin dei conti non ci si può lamentare più di tanto, c’è chi sta dannatamente peggio. Alcune novità mi hanno fatto incazzare, altre mi hanno reso felici.  Più sovente che in passato mi chiedo se Brizzi in Jack Frusciante avesse ragione. Se effettivamente sacrifichiamo il nostro essere felici di adesso per un ipotetica felicità futura. Quello che penso io, e che non ho mai smesso di pensare è che in fin dei conti, ogni tanto, la Danimarca può pure vincere. Io ci credo ancora.

  • Share/Save/Bookmark